Quanto spesso vanno lavati i capelli?

Tutti i giorni è troppo? Una volta alla settimana è poco? Non c'è una risposta giusta e una sbagliata. Tutto dipende dal tipo di capello e di cuoio capelluto. Scopri i segreti della perfetta detersione

Quanto spesso lavare i capelli? Non è una risposta facile da dare; la cosa più corretta da dire è che dipende dalle loro caratteristiche ed esigenze.

Secondo alcuni esperti, i capelli andrebbero lavati due volte alla settimana. Se però hai i capelli molto spessi, lunghi e ricci e impieghi molto tempo a lavarli, asciugarli e acconciarli, allora una sola volta a settimana è più che sufficiente. Tuttavia, c'è anche chi consiglia di lavarli tutti i giorni.

L'ideale è osservare la tua chioma e il tuo cuoio capelluto e capire quali sono le loro reali necessità.

Se noti, ad esempio, di avere i capelli grassi, puoi anche decidere di lavarli ogni giorno, purché utilizzi uno shampoo non aggressivo, altrimenti potresti danneggiarli o peggiorare ulteriormente la situazione.

Al contrario, se hai i capelli secchi, meglio lavarli con minore frequenza e, al posto dello shampoo, usare un balsamo nutriente o qualche prodotto specifico per idratarli in profondità.




Viaggi di nozze: le mete preferite delle celebrity

La primavera, così come l’estate, oltre a essere le stagioni preferite della maggior parte di noi sono anche le stagioni dell’amore. Giugno e luglio infatti sono i mesi preferiti per convolare a nozze, e diciamola tutta: se parliamo di matrimonio il pensiero va anche al tanto atteso viaggio di nozze. Le celebrity in questo dettano i trend e non badano a spese per la loro prima vacanza da coniugi! Le mete preferite ricadono per lo più su spiagge bianche e mare cristallino, ma come vedrete nella gallery sottostante c’è anche chi ha preferito la città. Siamo sicuri che anche se non avete in programma di sposarvi, questi posti vi faranno sicuramente venire voglia di organizzare un viaggio in uno di questi luoghi da sogno!

Guida all’estate TBS: come scegliere la protezione solare

È arrivato il momento di coprirsi! Sì, lo sappiamo che fa caldo. E no, non siamo impazziti. Intendevamo coprirsi di protezione solare! Noi di TBS adoriamo avere la pelle dorata, ma se c’è una cosa che ci sta ancora più a cuore è la salute della pelle. Per questo ci ricordiamo sempre, ogni volta che ci esponiamo al sole, di utilizzare un coefficiente SPF adeguato. Anche in città, nessuna situazione è esclusa. Nella gallery trovate tutti i nostri suggerimenti pro-abbronzatura: dalla crema, all’olio, fino ad arrivare agli spray. Ci sono i prodotti classici e quelli più innovativi. Vi chiediamo solo di ricordare due cose: la prima è che la pelle è l’organo più grande del vostro corpo, e va protetto come proteggiamo i polmoni o il cuore (da eventuali cocenti delusioni, per restare in tema). La seconda è che siete sempre in tempo a mettervi la crema, ma una volta che vi sarete scottati e diventati a macchia di leopardo non vi salverà più niente. Ok, ce n’è una terza a dirla tutta: l’SPF 50 sul viso è un must per chi non vuole trasformarsi, con l’andare degli anni, in un’albicocca essiccata. Lettori avvisati, mezzi salvati! ;) Siamo sicuri che tra questi prodotti potete trovare qualcosa che vi andrà a genio per passare un’estate bellissima e al riparo dagli effetti nocivi dei raggi solari!


Combattere i capelli statici in 5 semplici mosse

Nel nostro viaggio alla ricerca dei segreti per capelli perfetti, siamo arrivati al punto in cui serviva consultare l’oracolo: nel nostro caso Jeni Thomas, Ph. D. e Principal Scientist di Pantene. L’abbiamo seppellita di domande e curiosità, a cui lei ha risposto senza mai spazientirsi (grazie Jeni!). Il Sacro Graal, ovvero chiome impeccabili e fluenti, è sempre più vicino. Il nostro obiettivo primario questa volta (stay tuned: a luglio ci sarà il prossimo episodio) è combattere i capelli statici, quella scocciante situazione per cui diventano ingestibili e rimangono sospesi a mezz’aria, proprio come se avessimo preso la scossa. Come prima cosa, abbiamo chiarito qual è la differenza tra questa situazione e l’effetto crespo. I due fenomeni sono di fatto agli estremi opposti della scala di idratazione dei nostri capelli. La statica si verifica per la mancanza d’acqua ed è scatenata da un gesto, che spesso è lo strofinamento, sia il caso di un pettine o di una maglia o un maglioncino. I capelli crespi invece riorganizzano le fibre a causa dell’eccessivo contenuto di acqua nel fusto, che non permette loro di mantenere una forma prestabilita. Generalmente questo avviene tutto l’anno, mentre la statica tende a perseguitarci più che altro durante l’inverno, o in climi molto molto secchi – vale anche per l’aria condizionata -, soprattutto se abbiamo capelli molto lisci.

Per evitare di sembrare Albert Einstein (o qualcuno che ha provato in prima persona a mettere le dita nella presa elettrica), ci sono 5 semplici mosse da ricordare:

1. Se possibile, bisogna ridare umidità all’aria. A casa o in ambienti chiusi quindi, vi consigliamo un umidificatore, magari con qualche essenza profumata.

2. Curarsi dell’idratazione dei capelli. Lo step fondamentale è il il balsamo, da integrare con un trattamento senza risciacquo. Questo può essere sia in forma di olio, che di crema.

3. Come rimedio alle situazioni di “emergenza”, portate un trattamento senza risciacquo in borsa. Potrete applicarlo al volo al primo segnale di ribellione.

4. Scegliete accuratamente i materiali di vestiario, se per voi avere capelli statici sembra una maledizione senza fine. La seta ad esempio è molto indicata, al contrario della lana che tende a peggiorare la frizione che scatena questo fenomeno.

5. Eliminate pettini e spazzole in plastica tradizionali a beneficio delle setole naturali. La ragione di questa scelta non è proprio scientifica, ma le setole di queste spazzole tendono a distribuire meglio gli olii creati dalla cute su tutta la lunghezza dei capelli. Gli olii, a loro volta, mantengono il capello idratato più a lungo, evitando, sul lungo termine, di avere chiome elettriche

Qualcuno probabilmente avrà sentito, tra i consigli fai-da-te, quello di bagnare i capelli oppure strofinare sulle lunghezze un panno ammorbidente di quelli che si usano nell’asciugatrice. Anche se aiutano nell’immediato, questi trucchi tendono a non dare beneficio per molto tempo. Vi consigliamo di crederci sulla parola e provare le nostre 5 mosse: bye bye capelli statici!